fbpx

Ho conosciuto Irene tramite Instagram, grazie ad un post di @storytelling.cafe che offriva, tramite una bellissima iniziativa, la possibilità di trovare partner per creare nuove Collaborazioni.

Abbiamo così deciso di unire le nostre passioni e creare dei contenuti gratuiti.

Oggi parleremo di Emozioni, e di intelligenza emotiva applicata ai bambini. 

Le emozioni, quelle primarie, sono istintive e possono avere un impatto devastante sul nostro corpo, sia dal punto di vista fisiologico (con l’accelerazione del battito cardiaco) che comportamentale (si pensi alla fuga o all’alterazione della mimica facciale) così da cogliere impreparato qualsiasi adulto, figuriamoci un bambino!

Ne risulta che per un bambino sia difficile gestire una tempesta emotiva tanto intensa, ecco che i genitori si fanno mediatori essenziali nella comprensione di tali sensazioni: danno un nome alle emozioni, aiutano i figli a riconoscerle e li insegnano come affrontarle e quindi gestirle. 

Si pensi alle emozioni come fossero un ponte tra il nostro io interiore e il mondo esterno, ed ai genitori come i “traghettatori” che ci aiutano ad interpretare e comprendere questi due universi distinti ma confluenti.

Uno strumento piccolo, ma utile e divertente che può aiutare in questo processo genitori e figli, è il coloratissimo libro pop-up “I colori delle emozioni” di Anna Llenas, edizioni Gribaudo. 

Infatti, il protagonista del racconto è il mostro dei colori, che si sveglia confuso e strano, dopo che ha mischiato tutte le emozioni, che assieme non funzionano più.

Irene Meineri ha conseguito il diploma di laurea in Logopedia presso l’università degli studi di Torino e si occupa principalmente di età evolutiva, spaziando in diversi ambiti di intervento, soprattutto comunicazione e linguaggio.

Ha partecipato in seguito ad un corso di formazione in Belgio e unito così al lavoro un’altra sua grande passione: l’equitazione, proponendo ai suoi piccoli allievi percorsi di equimotricità con pony e cavalli da scuola.

Punto chiave nello svolgimento della sua professione è l’utilizzo di un modo sempre coinvolgente e creativo per stimolare i bambini a crescere divertendosi.

Infatti, iI suo lavoro è mosso dalla profonda convinzione che il benessere della persona sia da ricercare a più livelli: non esiste miglioramento che non apporti cambiamenti anche ad altre sfere, come quella emotiva o relazionale, ed è per questo motivo che crede fermamente nell’approccio olistico e nella continua ricerca di nuovi spunti per arricchire la propria formazione.

La filosofia di Leonteweb si basa soprattutto sulle Collaborazioni: grazie alla condivisione della passione per il mio lavoro con altri partner, posso così offrire ai clienti tutto il supporto di cui hanno bisogno.

Condivi l'articolo